Inserito da redazione il 23 settembre 2013

Bilancio positivo per la kermesse “Il Ritorno della Festa di San Gennaro”, la tre giorni di festeggiamenti in onore del Santo patrono che si è svolta in via Duomo e finale con il botto durante la serata finale con oltre tremila presenze: una grande festa aveva promesso il direttore artistico della kermesse Gianni Simioli, ma il successo riscosso dalla manifestazione organizzata dalla Jesce Sole con il sostegno dei commercianti di via Duomo, è andato ben oltre le previsioni, soprattutto nella serata finale, quando grandi nomi della musica, della cultura e dell’arte si sono avvicendati sul palco allestito per l’occasione sul sagrato del Duomo e hanno regalato al pubblico momenti indimenticabili. Assiepati fin dal primo pomeriggio sui gradini del sagrato della cattedrale, giovani e meno giovani hanno aspettato pazientemente l’arrivo dei loro beniamini. Primo fra tutti Sal Da Vinci che ha presentato in anteprima il musical “Carosone, l’americano di Napoli”,(scritto da Federico Vacalebre, regia di Fabrizio Bancale) di cui sarà protagonista e che debutterà al teatro Diana il 10 ottobre. Sal Da Vinci ha cantato accompagnandosi al piano “Tu si ‘na cosa grande”, “O sarracino” e una splendida versione di “Malafemmena” a Liliana De Curtis presente alla Kermesse. Anche l’idolo dei giovanissimi, il rapper Clementino, dopo il suo successo “Viento”" e uno scatenato freestyle, è sceso in platea ed ha reso omaggio alla principessa De Curtis. Tanti i nomi che hanno ricevuto il premio “San Gennaro Day”,realizzato da Lello Esposito: Maria Mazza; Pietro Treccagnoli per il suo “Elogio di San Gennaro”; il giornalista Federico Vacalebre che con il suo lavoro, ultimo tra tutti il Musical su Carosone, celebra la musica del grande Renato Carosone; l’attore Gigi Savoia che ha letto brani del libro “Elogio di San Gennaro”; Enzo Fischetti e Nando Mormone di Made in Sud; Salvatore Misticone con la sua comicità esilarante; Angelo Forgione; Salvatore Naldi, il presidente di Federalberghi; Roberto Houbler della R2 Comunicazione. Donatella Vergari , segretario generale di “Terre des Hommes” ha consegnato il premio “San Gennaro Day ” a Liliana De Curtis, ricordando l’interpretazione di Totò in “Operazione San Gennaro”. Standing ovation per principessa della serata che, dopo aver recitato “‘A livella”, ha danzato con il direttore artistico Gianni Simioli. Premio “San Gennaro Day” anche per il film d’animazione made in Naples, l’Arte della Felicità, per la regia di Alessandro Rak. A salire sul palco con il regista, il produttore Luciano Stella, Marino Guarnieri, Ivan Cappiello, Luigi Scialdone. Presenti sul palco anche i Foja, parte integrante de l’Arte della Felicità per aver scritto dei brani della colonna sonora.Anche Francesca Marini ha emozionato il pubblico della kermesse con la sua voce e il suo fascino. Il Gran Galà ha chiuso in bellezza con Mario Trevi: l’autore di “Indifferentemente” si è scatenato con la sua band, regalando al pubblico i grandi classici della canzone napoletana, ma con arrangiamenti turbo-folk, il tutto sotto il busto gigante del San Gennaro che sembrava dar segno d’approvazione per questa festa ritrovata. A fare gli onori di casa in musica è stata la Band “Spaghetti Style” con il brano “Dove sta Zazà”, diventato il tormentone della kermesse. In attesa di trovare Zazà, Gianni Simioli da appuntamento al prossimo anno per la seconda edizione della Kermesse con il sostegno dei commercianti di via Duomo, dell’Assessorato alla Cultura e al Turismo, all’Assessorato al Lavoro e alle Attività produttive del Comune di Napoli, della Jesce Sole e naturalmente di San Gennaro!