Inserito da redazione il 3 settembre 2015

“Le liriche amorose, le sillabe intense della passione e dell’abbandono. Il ritmo dell’isolamento e del tormento. La solitudine, e pure l’incontro. I poeti di ieri, gli attori/compositori di oggi. Al di là dei secoli, al di là del verbo canonico, la 16esima edizione del LEUCIANA FESTIVAL si appresta ad accogliere giovedì 3 settembre alle ore 21 la sorprendente “Bestemmia d’amore” immaginata, costruita e realizzata da Pippo Delbono ed Enzo Avitabile.

Enzo Avitabile e Pippo Delbono in 'Bestemmia d'Amore' (1)

Enzo Avitabile e Pippo Delbono in ‘Bestemmia d’Amore’

Un attore/regista/drammaturgo, un compositore/polistrumentista/cantante che si sfiorano e si rincorrono, si cercano e si perdono. Insieme in palcoscenico per dare luce al dolore. Per dare lingua al silenzio, e forma all’assenza.

Una simbiosi sperimentale che trasmetterà alla platea lo stupore e lo scandalo dei versi dell’amore ferito, ucciso, rinato, con testi tratti dalla produzione di Arthur Rimbaud, Pier Paolo Pasolini, Juan de la Cruz. Avitabile sarà in scena con il suo canto, un’arpina, un tamburo e un sax sopranino; Delbono, interverrà cantando/recitando. A completare l’ensemble, Gianluigi Di Fenza (chitarra napoletana) e Carlo Avitabile (tamburi).

Pippo Delbono e Enzo Avitabile al Leuciana festival

Estratto TG3 Campania del 3/9/2015
CLICCA L’IMMAGINE PER VEDERE IL VIDE0

 

Racconta Delbono: “Questa nostra Bestemmia è un concerto dove le parole diventano musica per dire di questo tempo volgare e sacro, nero e luminoso”. Avitabile, che del LEUCIANA 2015 è anche direttore artistico, aggiunge: “Pippo Delbono è un mio grande amico ed è un grande attore/regista teatrale. È una gioia stare in scena assieme a lui per questa Bestemmia che renderà la serata un mix speciale di musica e poesia. Pippo declamerà poemi di importanti autori, a prescindere dalle rispettive epoche, ed eseguiremo alcuni dei miei brani tratti dagli album degli ultimi quindici anni”. Tra gli altri, “Faccia gialla”, “Canta Palestina”, “Don Salvatò”, “Salvamm’ ‘o munn’” e l’omonimo “Bestemmia d’amore”.

Intanto, il Cortile dei Serici si prepara ad accogliere gli ultimi due concerti, Fausto Mesolella (05.09) e Pietro Condorelli (05/09), due eccellenze casertane per le quali si prevede una grandissima affluenza, mentre tutte le sere, a partire dalle 18,30, continua la proiezione di film etnografici per la rassegna “L’Altro Sguardo” a cura di Intima Lente. Domani, è in programma “Enzo Avitabile Music Life”, il film di Jonathan Demme, il regista statunitense premio Oscar. Uno spazio di riflessione e discussione sul rapporto tradizione/modernità, così come tra visuale e sonoro. E ancora, ad attendere il pubblico del LEUCIANA FESTIVAL alle ore 20 lo spettacolo “Rosso Vanvitelliano“, presentato dal Teatro Stabile di Innovazione Fabbrica Wojtyla Città di Caserta, scritto e diretto da Patrizio Ciu. Ogni sera, poi, la degustazione di prodotti eno-gastronomici locali (dalle ore 19 alle ore 20) e visite guidate al Complesso Monumentale (dalle ore 18 alle ore 20). “

fonte : www.leuciana.it