Inserito da redazione il 31 luglio 2014

Dopo gli eventi di Luglio  tenuti con successo nell’Abazia del Loreto di Mercogliano (AV), Sentieri Mediterranei riparte con la sedicesima edizione del Festival Internazionale di Musica Etnica a Summonte in provincia di Avellino

Logo_Festival_Etnico

L’appuntamento è alle 16,00 con visite guidate al borgo medievale e al complesso castellare della Torre Angioina. mentre  alle 17.30 il programma prevede un dibattito introdotto dall’ideatore della manifestazione. il dott. Pasquale Giuditta. Sono previsti gli interventi del dr. Luca Betraice, presidente del Consorzio Gal Partenio, il Maestro Enzo Avitabile direttore artistico dell’evento, Padre Andrea Davide Cardin, quale responsabile culturale del festival, Mauro Smith della Fondazione Napolinovantanove e Marco Cirillo dell’associazione Zalab. oltre alla partecipazione di Licia Colò giornalista e conduttrice del noto programma RAI “Alle falde del Kilimangiaro”

Avitabile_AbbaziaAlle 21.30 piazza Gelsi ospiterà lo spettacolo Folk degli Ar Meitheal e alle 22.30 tutti in piazza De Vito, la piazza centrale del paese, dove si trova il tiglio secolare, per assistere allo spettacolo di Bassekou Kouyatè. Tra danze, balli, caciocavallo impiccato, primi piatti e pizzette montanare la serata proseguirà allo scoccare della mezzanotte con l’esibizione di musica classica nella Chiesa Madre di san Nicola di Bari con Erica Piccotti, Federico Piccotti e Akanè Makita. (segue il programma dettagliato della tre giorni)

Coniugare cultura, divertimento e valorizzazione dei beni culturali presenti sul nostro territorio. E’ questo l’obiettivo prioritario del nostro Festival – ha spiegato il primo cittadino di Summonte Pasquale Giuditta, ideatore e coordinatore di Sentieri Mediterranei – La valorizzazione dei nostri borghi passa attraverso gli spettacoli e gli eventi che attirano importanti flussi turistici. Sono certo che solo azioni di partenariato e grande impegno da parte degli amministratori locali siano volano di sviluppo. ”.

Avitabile_P_P“Sentieri mediterranei” – dichiara Enzo Avitabile, direttore artistico del festival – è oggi un fenomeno legato eminentemente alle tradizioni, all’arte e ai linguaggi del mondo, nel « nuovo tempo ». Il ricco patrimonio popolare definito arcaico è quasi una preistoria del sapere urbano. Una vera e propria anticipazione, i cui successivi sviluppi si sono protratti fino a noi, miscelandosi talvolta con alcune delle sue forme più indicative; ora puro folklore, ora semplice parente prossima di una nuova e antica conoscenza. Difficilmente, prima che migliaia di persone, provenienti da luoghi diversi, alimentate a musica e predisposte a sentire, vedere e conoscere, invadessero le stradine di Summonte, che ogni anno, celebra con questo grande festival la Madonna di Montevergine, nessun raduno spontaneo, forse, si è rivelato così fecondo sul piano dell’ approfondimento. Le radici di questo tipo di ritualità si possono ricercare in qualsiasi luogo, dove più realtà si sviluppano insieme. Non c’é alcuna magia, alcun simbolo più importante dell’altro, di minore o maggiore spessore. La cultura, la devozione e l’aggregazione rappresentano qualcosa di sensibilmente importante per la gente: esse non sono solamente consumate ma anche sentite, in una tale dimensione, da penetrare in tutte le forme e sfaccettature della vita: l’individuo, la natura, l’universo. L’espressione originaria si rafforza e si materializza in un dialogo di comunità multietnico. Si è spesso cercato di definire questo evento nei modi più disparati: formale, storico, antropologico, sociologico, sentimentale, commemorativo ma nessuno è mai apparso appagante, del resto ogni definizione statica non da mai un ritratto rilevante e significativo di quello che è ma ne sfiora semplicemente la superficie. La “festa della musica” narra la libertà dei popoli, il morire e lasciare qualcosa che resti di giorno in giorno nel cuore del mondo. Il mito, la verità, il richiamo della vita con il suo dolore, la speranza, la terra promessa.

La redazione

© 2014 LIFE in Naples – Vietata la riproduzione anche parziale

© 2014 Ph by Luigi Passariello (lupas)

info: http://www.sentierimediterranei.it

IL PROGRAMMA

venerdì 1 agosto 2014

- ore 16.00 Torre Angioina

Visite guidate al borgo e al Complesso Castellare (per prenotazioni rivolgersi all’info-point del comune 0825/691191)

- ore 17.30 Anfiteatro della Torre Angioina

DibattitoSguardi sulle migrazioniprogetto a cura della Fondazione “Napolinovantanove” e l’associazione “ZALAB.”

Intervengono: Mauro Smith  per illustrare il Museo narrante dell’emigrazione “LA NAVE DELLA SILA” e presentare il corto “MARE MADRE” con il regista dell’Associazione ZALAB.

partecipa  Licia Colò. (giornalista)

- ore 17.30 Borgo e Castello

Attività MedievaliSubmontis Medievalia” tra il borgo e il castello – Giochi, arte, musica giocolieri, giullari, armigeri, caccia la tesoro.

- ore 20,00 Anfiteatro Torre Angioina

(Palchi Classica)
RecitalDi vento e di viaggi”  Paolo De VitoGianluca MarinoGiuseppe MustoSalvatore Santaniello  con la partecipazione di Carlo D’Angiò

 - ore 21.00 Scale/Arco San Nicola/Borgo (spettacolo itinerante) 

Zastava Orkestrar

- ore 21.30 Piazza Gelsi (palco folk)

Ar Meitheal

- ore 22.30 Piazza De Vito (palco folk)

Bassekou Kouyatè

- ore 24,00 Chiesa San Nicola di Bari (palco classica)

Erica Piccotti, Federico Piccotti  

Akane Makita

 sabato 2 agosto 2014

- ore 9.30 (info-point 0825/691191)

Escursione nel Partenio e visite guidate al borgo e al Complesso Castellare (per prenotazioni rivolgersi all’info-point 0825/691191) a cura di Irpinia Trekking e del Club Alpino Italiano

- ore 17.30 18.00 Anfiteatro Torre Angioina

Incontro dibattito “Il territorio e i borghi: cambiamo per crescere” organizzata con l’Associazione Quali Velocità Quali Città (QVQC) coordina Sergio Rizzo (Il Corriere della Sera)

- ore 17.30 Borgo e Castello

Attività Medievali Giochi, arte, musica giocolieri, giullari, armigeri e caccia al tesoro “Submontis Medievalia

- ore 20,00 Anfiteatro Torre Angioina (palco classica)

KILLING THE CLASSICS

Vito Ranucci – Federica Mazzocchi – Mauro Smith

- ore 21.00 Scale/Arco San Nicola/Borgo (spettacolo itinerante)  

ZASTAVA ORCHESTAR

- ore 21.30 Piazza Gelsi (palco folk)

MARCELLO COLASURDO E PARANZA

(Italia)

- ore 22.30 Piazza De Vito (palco world)

JOE DRISCOOL & SEKOU KOUYATE

(USA/Guinea)

- ore 24.00 Chiesa di S. Nicola di Bari (palco classica)

LULA PENA

(Portogallo)

domenica 3 agosto 2014

- ore 9.30 Partenio

Escursione e visite guidate nel Partenio (per prenotazioni rivolgersi all’info-point 0825/691191)
a cura di Irpinia Trekking e del Club Alpino Italiano (sezione di Avellino)

- ore 10.30 Centro Storico

Giochi, arte, musica, giocolieri, giullari, armigeri e caccia al tesoro

- ore 17.30 Borgo e Castello

“Submontis Medievalia: il Medioevo al borgo e al castello”

Attività Medievali Giochi, arte, musica giocolieri, giullari, armigeri e caccia al tesoro

- ore 20.00 Via Chianarile/via Fontanelle

Spettacolo dei Mangiafuoco

- ore 20.00 Via Fontanelle

La Piazza dei Giochi

- ore 21.00 Scale/Arco San Nicola/Borgo (spettacolo itinerante)


ZASTAVA ORCHESTAR

- ore 21.30 Piazza Gelsi (palco folk)

MARCELLO COLASURDO E PARANZA

(Italia)

 - ore 22.30 Piazza De Vito (palco world)

DEE DEE BRIDGEWATER

(USA)

- ore 24.00 Chiesa di San Nicola di Bari (palco classica)

“DONNA MADONNA”

omaggio alle dee madri del mediterraneo con Fiorenza Calogero

elaborazioni musicali e chitarra battente Marcello Vitale

chitarra classica Carmine Terracciano

pittura estemporanea Susy Saulle

- ore 00.30  

Incendio della Torre

(Fuochi pirotecnici)