Inserito da redazione il 13 agosto 2015

 

In questo episodio vi presentiamo un’altro protagonista della nostra web series. Si tratta di Gianni Nappa che per mestiere è un “curatore”. Contrariamente a quanto si possa pensare che un “curatore” a Napoli potrebbe significare anche colui che cura malattie, molocchio, ecc. Gianni Nappa è un vero e proprio curatore (mostre, eventi, vernissage, presentazioni, ecc) e critico d’arte. Insomma un’uomo di cultura. Lo abbiamo beccato a Napoli in via dei Mille e ci ha invitato al PAN | Palazzo delle Arti Napoli per assistere ad un evento che si conclude il 30 Agosto 2015.

Certo verrebbe da pensare che Gianni, per altro uno dei valorosi professionisti che hanno contribuito alla nascita di LIFE in Naples, con l’arte ci va anche in ferie oltre che a letto. Tanto è vero che, come potrete vedere ed ascoltare, il nostro valoroso “curatore” ha deciso, in questo torrido mese di Agosto, di sacrificare le ferie optando per la distribuzione di volantini in Via dei Mille pur di promuovere un evento senza precedenti. Neanche Vittorio Sgarbi l’avrebbe fatto. Sopratutto perché, a quanto pare, con questa attività a Napoli, contrariamente a quanto si dice, “anche senza soldi si cantano le messe”. Questa è la differenza tra un curatore e critico d’arte napoletano e tutto il resto. La visita è stata molto interessante al punto che abbiamo deciso di proporvi uno speciale che potrete seguire dal 17 Agosto su questo canale. Non mancheranno sorprese e sopratutto potrete avere uno spaccato significativo dell’arte contemporanea made in Naples.

Essere napoletano è meraviglioso | 3° Episodio | Il curatore napoletano

Essere napoletano è meraviglioso | 3° Episodio | Il curatore napoletano

CLICCA SULL’IMMAGINE PER VEDERE IL VIDEO

L’imponente esposizione dal titolo “Napoli Expò Art POLIS…transiti storici e contemporanei
è la presentazione delle opere di oltre 60 artisti che con la loro pittura, fotografia, scultura e arti visive esprimono uno spaccato significativo dello stato dell’arte contemporanea metropolitana messi assieme dai Daniela Wollmann e Gianni Nappa. Una formula che, anche grazie all’amministrazione comunale di Napoli ha fatto ritrovare al PAN la sua originale vocazione.

Un evento prima di tutto!! Un avvenimento unico nell’anno dell’Expo di Milano nel mese di agosto, per eccellenza il mese vacanziero, ma anche quello dei transiti in città di migliaia di viaggiatori alla scoperta della città. Napoli Expo Art polis è un contenitore delle pulsioni che dal basso fanno vivere la città d’arte e idee, di creatività e linguaggi contemporanei, di eccellenze nei vari campi della comunicazione, del movimento e dell’immagine. Non una mostra, non una esposizione ma un insieme di bellezze, da vedere e capire, ma anche da attraversare come un ideale percorso di conoscenza di quello che in questo momento storico la città produce. Saper cooptare il turismo di qualità interessato alla cultura, e poter essere artefici di una offerta che sappia coniugare le esigenze di visibilità e quelle della qualità nascosta. Nel passaggio dalle avanguardie al contemporaneo secondo Jean-Christophe Bailly «è non solo ciò che è depositato nel tempo contemporaneamente a noi, ma ciò che, nel depositarsi, è sufficientemente originale da creare una fenditura, attraverso cui vedere o intravedere la forma percettibile di un’ epoca». Ancor più radicalmente, il filosofo Arthur Danto con “Dopo la fine dell’ arte” (1997, ma in edizione italiana solo nel 2008) teorizzò, con i metodi della filosofia analitica, il passaggio dall’ ideale classico al quotidiano, che ha il suo punto di non ritorno, la sua «frattura profonda», nell’ opera di Duchamp e poi di Warhol.

11411971_1466405446987769_464783356501442297_o